Feed RSS

9 luglio: notizie sul bando di privatizzazione delle Terme?

Inserito il

dal sito de L’Eco delle Aci

9 LUGLIO: NOTIZIE SUL BANDO DI PRIVATIZZAZIONE DELLE TERME?

Dovrebbe scadere oggi il termine ultimo per la consegna alla Regione dello studio preliminare svolto da Sviluppo Italia Sicilia. Non ci sono però informazioni né rassicurazioni da parte delle istituzioni regionali.

Il 9 luglio dovrebbe essere la data ultima per la consegna dello studio preliminare al bando di privatizzazione delle Terme di Acireale e di Sciacca.

Committente dello studio la Regione Siciliana, attraverso l’Assessorato all’Economia; commissionaria invece Sviluppo Italia Sicilia, la società interamente controllata dalla stessa Regione, che avrebbe ricevuto l’incarico ad inizio d’anno.

Il condizionale è d’obbligo, perché in effetti non c’è mai stata alcuna comunicazione ufficiale sull’incarico conferito a Sviluppo Italia Sicilia, ma soltanto una serie di indiscrezioni, a partire dall’articolo pubblicato a fine marzo dal quotidiano La Sicilia che indicava proprio nella data del 9 luglio il termine ultimo per l’espletamento di questo delicato passaggio sulla via della privatizzazione dei due stabilimenti termali.

Non si conosce, al momento, se questa scadenza sarà prorogata o verrà rispettata da Sviluppo Italia Sicilia, i cui vertici recentemente sono stati ridisegnati dopo le dimissioni da Presidente dell’ambasciatore Umberto Vattani e il ritorno sullo scranno più alto di Cleo Li Calzi che rimarrà in carica fino al 2014.

Comunque vada a finire, le due comunità locali, di Acireale e di Sciacca, sono rimaste fuori gioco nell’intera vicenda, senza possibilità alcuna né di ricevere informazioni ufficiali sullo stato dell’arte del procedimento in corso né di partecipare ad un’eventuale fase consultiva concomitante allo svolgimento dell’incarico di studio. Il neo sindaco di Sciacca Fabrizio Di Paola, con straordinario e lodevole tempismo da quando è diventato primo cittadino qualche mese fa, ha provato in tutti i modi ad interloquire con l’Assessorato all’Economia, con la Presidenza della Regione Siciliana, con Sviluppo Italia Sicilia e persino con Federterme a Roma. Non ha ricevuto mai alcuna risposta ufficiale, a parte qualche generica e cortese rassicurazione da parte di Federterme che, comunque, sembra anch’essa tagliata fuori da ogni interlocuzione con la Regione.

Ad Acireale, di fronte a comportamenti più timidi, rinunciatari e prudenziali dell’amministrazione comunale guidata da Antonino Garozzo, a tale funzione di pungolo delle istituzioni regionali ha finora supplito il Forum sulle Terme e, in parte, anche il Consiglio comunale, soprattutto quando a presiederlo era l’avvocato Pietro Filetti.

Il recente incontro, promosso dalla VI Commissione consiliare permanente presieduta da Antonio Riolo, ha prodotto un interessante documento programmatico che impegnerebbe tanto il civico consesso quanto l’amministrazione comunale sulla strada di una più forte interlocuzione con la Regione, ma finora non c’è stato alcun seguito a quell’iniziativa, perdendo così tempo prezioso.

Pertanto la data del 9 luglio è arrivata, senza che si sia saputo nulla sullo stato della privatizzazione annunciato in pompa magna nei mesi scorsi dall’amministrazione regionale. Per onestà intellettuale, si potrebbero evidenziare diverse attenuanti a questo stato di cose: lo stallo della situazione politica regionale con le annunciate dimissioni di Lombardo, l’interesse di Armao a lavorare sui nodi del bilancio regionale, la complessità giuridica dei problemi che riguardano tanto le vecchie aziende autonome quanto le società per azioni, delle quali si è decretata la liquidazione rispettivamente nel 2007 e nel 2010.

Ma le attenuanti sono abbastanza generiche e non servono a rassicurare chi, a giusta ragione ad Acireale come a Sciacca, chiede invano da mesi notizie ed informazioni più puntuali sulla vicenda. La verità è che sulla questione termalismo in Sicilia regnano purtroppo sovrane insipienza e approssimazione, mal celate da una comunicazione istituzionale che appare anch’essa carente e frettolosa. Si rimane, pertanto, come sempre in attesa.
Saro Faraci

08/07/2012

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: