Feed RSS

Quella storia infinita del bando per privatizzare le Terme


Sul numero 43 del settimanale I Vespri, da sabato 10 novembre in edicola, la storia di un bando regionale, sempre annunciato dalla Regione e mai pubblicato in Gazzetta, per privatizzare le Terme di Acireale e Sciacca. Una storia, iniziata nella primavera del 2011, che ha visto come protagonista l’avvocato Gaetano Armao, assessore regionale all’Economia del governo uscente presieduto dall’ on. Raffaele Lombardo. Una storia che si interseca con altri provvedimenti dell’amministrazione regionale, con le competenze in materia di patrimonio immobiliare della dirigente Maria Filippa Palagonia e dell’alto burocrate Enzo Emanuele, con i veti imposti da Raffaele Lombardo, con gli umori dell’ex liquidatore delle Terme acesi Margherita Ferro e con i vani tentativi dei deputati Nicola D’Agostino, Concetta Raia e Giovanni Barbagallo di venire a capo di una vicenda che ormai è divenuta paradossale.

Annunci

Una risposta »

  1. Salvatore La Rosa

    Egr. prof. Faraci,

    ammiriamo il generoso proposito di sollevare il deputato acese dalle sue responsabilità dipingendolo come autore di non meglio identificati “vani tentativi” di contrastare i “veti” del nemico Lombardo e gli “umori” dell’avversaria Ferro.
    Temo però che per la riuscita di questo suo proposito occorra il soccorso divino.
    L’impresa è infatti al di sopra delle possibilità umane.

    Comitato Civico Terme di Acireale
    (il portavoce Salvatore La Rosa)

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: