Feed RSS

Eco delle Aci: L’ingegnere Bosco rimarrà liquidatore

Inserito il

TERME DI ACIREALE: L’INGEGNERE LUIGI BOSCO RIMARRA’ LIQUIDATORE

Il liquidatore delle Terme di Acireale, l’ing.Luigi Bosco, resterà al proprio posto pur dovendo occupare al più presto il ruolo di assessore tecnico nella giunta di Enzo Bianco a Catania. Lo ha comunicato lo stesso liquidatore ad uno dei due coordinatori del Forum delle Terme, dichiarando di “esser disposto a lavorare anche la notte” pur di mantenere gli impegni assunti con gli acesi per il rilancio degli stabilimenti termali. E’ questo il vero elemento novità di una settimana non contrassegnata da alcun evento importante connesso al futuro delle Terme, se si eccettua la netta presa di posizione della Corte dei Conti sulle partecipate regionali. Nonostante il piano di riordino voluto dall’avvocato Gaetano Armao, assessore all’Economia del governo Lombardo, secondo la Corte dei Conti il costo delle partecipate a carico della Regione è ulteriormente lievitato per l’incidenza di consulenze, spese non programmate e soprattutto per l’entità dei contenziosi e dei ricorsi. Fra le partecipate regionali, sebbene poste in liquidazione, ci sono le Terme di Sciacca e di Acireale. Queste ultime, come è noto, da quando sono state trasformate in SpA e nonostante la liquidazione in atto, hanno accumulato negli ultimi anni rilevanti perdite per quasi dieci milioni di euro. Nonostante la buona volontà dell’ing.Bosco, che presto potrebbe riaprire il reparto di fangobalneoterapia dopo aver ripristinato quelli di inalazioni e insufflazioni, la ripresa dell’attività sanitaria non basta a sanare i bilanci, gravati da debiti ed oneri finanziari. Allo stato delle cose, diventa pertanto fondamentale sapere come la Regione intenderà mantenere gli impegni sulla strada della privatizzazione, secondo quanto previsto dalla legge regionale del 2010. Soprattutto, diventa ancor più rilevante sapere se la liquidazione andrà avanti nell’ottica della continuità dell’attività termale o in quella dello scioglimento della società. Il nodo critico da sciogliere, previsto per legge, è pregiudiziale per chiarire i confini del mandato di liquidatore affidato a Luigi Bosco. Senza indicazioni precise, infatti si potrà continuare a navigare solo a vista. Su tale questione dovrà presto esprimersi il dott. Luca Bianchi, assessore all’Economia nel governo di Rosario Crocetta, uomo fidato dell’ex ministro Fabrizio Barca e dunque vicino all’ambiente politico del Partito democratico. Alcuni rappresentanti della locale sezione del partito lo hanno incontrato nei giorni scorsi a Palermo insieme ai deputati regionale Anthony Barbagallo e nazionale Fausto Raciti, ma in assenza di Concetta Raia, il deputato del PD che finora si è spesa di più per il rilancio del termalismo in Sicilia.

Saro Faraci

01/07/2013

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: