Feed RSS

Termalismo e Territorio

Inserito il

dal sito di Federterme

“TERMALISMO OGGI: I RISVOLTI PER IL TERRITORIO”

Tavola rotonda alle Terme di Margherita di Savoia

Una riflessione sulle valenze sanitarie ed economiche del termalismo è stata stata oggetto della tavola rotonda tenutasi il 18 luglio presso il Giardino d’Inverno delle Terme di Margherita di Savoia, organizzato dal centro termale, con Federterme ed il Comune di Margherita di Savoia.

“Un convegno di approfondimento sullo stato attuale delle Terme a Margherita di Savoia nel quadro del sistema termale italiano è anche occasione per dare risposte concrete, con gli esperti del settore, alle critiche che negli ultimi anni sono sempre al centro del dibattito cittadino quando si parla di terme e termalismo”, ha spiegato Marina Lalli, direttore generale delle Terme di Margherita di Savoia.
All’evento hanno partecipato l’europarlamentare Elena Gentile, il sindaco del Comune di Margherita di Savoia, Paolo Marrano, il presidente di Federterme, Costanzo Jannotti Pecci e il direttore generale delle Terme di Cervia, Aldo Ferruzzi.
Per il sindaco Marrano vanno considerate le possibilità di sviluppo che il termalismo rappresenta per il paese, senza condurre guerre ideologiche. “Si tratta di un processo da condividere con tutte le parti interessate: il Comune, le Terme, l’Atisale e gli imprenditori che hanno voglia e capacità di investire nel settore. In un recente consiglio comunale ho anche rilanciato il progetto di una piscina termale comunale con annessa beauty farm”.
La tavola rotonda è stata occasione per chiarire vari aspetti della complessità del termalismo collegato allo sfruttamento delle risorse. “Non esiste una regolamentazione precisa per una piscina termale – ha spiegato Ferruzzi – e spesso si è in balia dei funzionari dell’Asl e alla fine ci si ritrova con strutture realizzate che potrebbero trovare difficoltà di operatività ordinaria. Bisogna fare fronte comune, affinché si realizzino discipline precise in tal senso. La materia delle acque madri è abbastanza complessa e va ponderata attentamente – ha continuato il direttore delle Terme di Cervia- Sono risorse non infinite, in quanto derivanti da un processo produttivo del sale e, per essere utilizzate, hanno la necessità di essere depurate e quindi gestite con una chiara competenza tecnico-scientifica. Le Terme di Cervia, ad esempio, sono gestite da una società privata fino al 2030 perché l’ente comunale decise di far utilizzare queste risorse a chi ne aveva la competenza”.
L’on. Elena Gentile ha parlato, invece, di uno sviluppo del termalismo che possa richiamare nuovi flussi. “È fondamentale che si instauri una nuova cultura e si parli anche di destagionalizzazione con servizi di qualità e prezzi più contenuti. È fondamentale che ci siano anche altri flussi provenienti da altri paesi. Ci vuole una nuova sinergia sul tema del sale. Il territorio foggiano non ha vocazione industriale e quindi bisogna valorizzare le nostre risorse madri. E sul termalismo bisogna puntare anche come strumento di prevenzione per alcune patologie utilizzando le terme come presidi medici del territorio».
Per Marina Lalli,” il termalismo a Margherita di Savoia è sempre stato al centro di diverse polemiche. La nostra struttura ha origine nel 1947 e a metà degli anni ’80 ha subito una profonda rivoluzione, sino ad oggi con 220 postazioni per le inalazioni e gli aerosol, con 65 cabine per la balneofangoterapia, il centro benessere e una propria linea per il benessere. È una struttura che raggiunge 30 mila utenti e con 350 mila presenze in tutto il paese per le sole cure termali. 12 mila presenze solo nel nostro albergo e questo vuol dire che le Terme creano un indotto anche per le altre strutture ricettive presenti nel paese. Un’azienda di servizi che fa un fatturato di 5 milioni di euro all’anno, la cui metà viene riconsegnata al territorio tramite gli stipendi dei dipendenti, che sono ogni anno oltre 100. Tutto questo a fronte di un ingente investimento iniziale di 45 milioni di euro e di continui aggiornamenti per tener conto dell’evoluzione delle tecnologie e delle esigenze della clientela”.
A concludere gli interventi è stato il presidente di Federterme, Jannotti Pecci che si soffermato su pubblico e privato nel sistema termale. “Federterme associa anche le aziende in mano pubblica (Salsomaggiore, Castellamare, ecc.), ma non ce n’è oggi una che gode di buona salute: Castellammare è chiusa da due anni e le altre sono tutte, chi più chi meno, in situazione di grave difficoltà.
Anche solo per realizzare una piscina termale, come ipotizzato in questi ultimi tempi a Margherita di Savoia è fondamentale affrontare un quadro di complessità e di specificità con strumenti appropriati a partire da un piano industriale che consideri tutte le risorse in gioco, rischi ed opportunità, con concretezza.
A Margherita di Savoia – ha concluso Jannotti Pecci – avete un grande patrimonio e non sarebbe tale se non ci fosse un sistema, quali sono le Terme, che dà giusto valore alle risorse, naturali ed imprenditoriali, sanitarie ed economiche. Termalismo è soprattutto sanità, cura della persona, riabilitazione, nuovi stili di vita, attività che, poi, diventano fattore economico e di sviluppo. Le terme italiane godono anche in Europa e nel mondo di una grande reputazione basata sulla ricchezza delle acque termali ma anche sulla validazione della ricerca scientifica termale. Le terme sono patrimonio naturale e culturale degli italiani da tutelare e valorizzare ed il nostro impegno deve essere rivolto a consolidare il modello di welfare termale italiano.”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: