Feed RSS

Terme di Sciacca, per 13 dipendenti non c’è più posto


dal Giornale di Sicilia (edizione di Agrigento)

SCIACCA. Il commissario liquidatore delle terme, Carlo Turriciano, ha chiesto alla Regione di sospendere il comando di 13 delle 23 unità impegnate negli uffici e nello stabilimento ed esplode la polemica con la Cisal. Il sindacato ha protocollato ieri una diffida a Turriciano, trasmessa all’assessorato regionale delle Autonomie locali, “a dare corso a qualunque richiesta di sospensione del comando di dipendenti”. Il commissario con quest’iniziativa vuole risparmiare, fino al prossimo mese di maggio, circa 300 mila euro. In pratica, questo personale, fino al 3 maggio del 2015, la data indicata nella comunicazione di Turriciano, verrebbe impegnato dalla Regione in altri uffici e quindi non graverebbe sul bilancio delle terme.

“Questa decisione è stata assunta unilateralmente, senza alcun confronto con la parte sindacale e con la stessa Regione – dice Alberto Sabella, segretario provinciale della Cisal – e, cosa più grave, l’individuazione del personale per cui verrebbe a cessare l’assegnazione in comando verrebbe fatta senza le garanzie previste per ipotesi del genere dalle vigenti norme e senza alcun esame congiunto con il sindacato”. Per Sabella “non bisogna toccare nessuno, ma se proprio si devono individuare dei lavoratori bisogna operare secondo criteri ben definiti. Qui si vuole mandare via dalle terme fino a maggio gente che, in oltre 30 anni di lavoro, ha acquisito un’altissima professionalità”. La Cgil, con il segretario cittadino, Franco Zammuto, si sfila dalla polemica. “Nessun commento – dice il sindacalista – e in questo momento mi sto occupando della vicenda riguardante il futuro dell’intera stazione termale di Sciacca. Una buona notizia l’abbiano appresa da Palermo dove il sottosegretario Del Rio pare abbia condiviso che le terme di Sciacca non vanno considerate come altre partecipate della Regione perché sono produttive, in grado di reggersi da sole e meritano la giusta attenzione per un effettivo rilancio”.

 

Annunci

Una risposta »

  1. Il bilancio è fittizio, il personale in comando è vero che grava sul bilancio della SPA ma in realtà dal 2008 ad oggi sia Sciacca che Acireale non hanno mai rimborsato le somme alla Regione Siciliana, di conseguenza lo sgravio è formale e la Regione sino ad oggi se ne assunta le responsabilità. Comunque le Terme così come sono ridotte e con le sole entrate dell’ASP (che pagano sempre con i tempi della Regione Siciliana) non ce la fanno a sopravvivere. La Regione anzichè farle morire lentamente e naturalmente dovrebbe al più presto pensare di darle in gestione a privati.Tutti i discorsi che si fanno attorno alle Terme sono solo pura demagogia e non servono a niente.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: