Feed RSS

I suggerimenti del Forum di Sciacca al Sindaco Di Paola


dal sito del Forum delle Terme di Sciacca

I suggerimenti consegnati al Sindaco Di Paola, nell’auspicio che possano essere utili per la predisposizione del bando di privatizzazione delle Terme.
1) Mantenimento della fruizione pubblica e gratuita del giardino delle terme;
2) Fruizione pubblica (a pagamento) delle piscine e delle altre strutture Termali (Stufe, fanghi, inalazioni, terapie etc). Possibilmente mantenendo la possibilità di stipulare convenzioni col SSN;
3) Possibilità’ di praticare tariffe agevolate per i residenti in Sciacca sia per quanto riguarda le cure termali che per l’utilizzo della piscina garantendo l’apertura della stessa nel periodo invernale;
4) Valorizzazione dell’artigianato locale in fase di costruzione con inserzione di elementi di ceramica nelle strutture che verranno rinnovate;
5) Valorizzazione dell’artigianato locale in fase di esercizio con mostra, in apposite vetrine, delle eccellenze locali (Quadri, Gioielli, ceramiche, etc.) e con l’organizzazione di eventi che pubblicizzino le nostre maestranze e la nostra cultura (come esempio si possono prendere le ultime iniziative prese da Rocco Forte);
6) Valorizzazione delle eccellenze enogastronomiche, con inserimento delle stesse nei menù dei ristoranti e con la creazione di percorsi turistici alla scoperta del gusto (Visite alle cantine, alle industrie del salato etc.);
7) Possibilità di continuare ad usufruire di alcune strutture Termali (chiaramente concordando modi e tempi con l’Amministrazione Comunale e il gestore privato) per la realizzazione di progetti sociali e culturali (Mostre, convegni, etc.);
8) Valutare la possibilità di inserire una piccola quota di azionariato popolare;
9) Eliminare dal bando ogni possibile riferimento:
  a) a deroghe urbanistiche
  b) allo sfruttamento delle risorse geotermiche ai fini energetici
  c) alla possibilità di vincolare all’uso della stessa gestione privata altri beni, come porto, spiagge, ecc.
10) Inserire nel bando un numero di anni massimo alla concessione (20/30 anni);
11) Individuare regole chiare per l’eventuale rescissione del contratto (la ratio è quella di evitare che si venga a creare una situazione simile a quella di Girgenti Acque, che fornisce un servizio pessimo e pur tuttavia non è possibile risolvere il relativo contratto in maniera semplice e senza danni per la P.A.);
12) Stornare parte del canone che verrà versato alla Regione  nelle casse del comune di Sciacca (tutto sommato le Terme sono territorialmente nostre), magari inserendo il vincolo che tali risorse vengano spese per l’accoglienza turistica e la riqualificazione urbana o in alternativa obbligare la Regione a spendere quel canone nel territorio di Sciacca per valorizzarlo turisticamente (una clausola del genere potrebbe aumentare l’appetibilità del offerta);
13) “criteri di valutazione della gestione (es. innovazione tecnologica e investimenti nella struttura, numero di presenze, questionari di gradimento e quant’altro) e legare anche a questi la possibilità di risolvere il contratto”;
14) “trasparenza di gestione al fine di evitare che se domani, pur passando a un gestore privato o pseudo-tale, le Terme continuino a restare una struttura che assume per raccomandazione gente senza alcuna competenza specifica per far solo il favore a questo o quel politico di turno”;
15) “la società civile saccense tutta debba esercitare un utile strumento di controllo sulle attività politiche legate alla scelta sul futuro delle Terme. Secondo quest’ottica sarebbe importante che una rappresentanza del tavolo tecnico affiancasse il sindaco durante gli incontri alla Regione con l’Assessore Armao e Sviluppo Italia”;
16) “Salvaguardia degli attuali livelli occupazionali dei lavoratori stagionali presso l’albergo e di provvedere e verificare la situazione e  futura destinazione dei 26 (circa) lavoratori a carico della regione, attualmente in servizio presso lo stabilimento termale”.
Si potrebbero agevolare tali iniziative di integrazione culturale, sociale ed economica prevedendo nel bando delle premialità a chi attivi percorsi di valorizzazione dell’artigianato e dell’enogastronomia, spingendo i partecipanti alla gara a presentare l’offerta con dei protocolli d’intesa già stipulati con le maestranze locali  (sul modello dei bandi europei).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: