Feed RSS

Rapporti tesi con Palermo. Terme di Sciacca, la Regione bacchetta il Comune

Inserito il

L’articolo pubblicato in data odierna (4 agosto) dal Corriere di Sciacca

Annunci

Terme di Acireale, all’orizzonte si intravede il bando

Inserito il

In edicola sabato 4 agosto sul settimanale I Vespri

La Regione e l’immortalità di partecipate chiuse da anni ma ancora “mangiasoldi”…


L’articolo di Mario Barresi sul quotidiano La Sicilia

 

I compensi d’oro dei Paperoni delle società partecipate regionali


L’articolo pubblicato da I Nuovi Vespri

Era chiaro che, prima o poi, i grillini avrebbero scoperto il ‘Tesoro’ nascosto nelle eterne liquidazioni delle società della Regione siciliana. Una storia iniziata negli anni ’70 del secolo passato e mai interrotta. Si va da Ems, Espi e Azasi creati negli anni ’60 fino alla pletora di società regionali create dal 2002 in poi. Con la nuova legislatura i grillini dell’Ars, con in testa la capogruppo Angela Foti (nella foto sopra) hanno ‘sgamato’ il mangia-mangia. E hanno scoperto che…
prosegui qui la lettura

Terme di Acireale e Sciacca, la vergogna infinita


da La Sicilia del 26/7

L’on.D’Agostino sulle Terme di Acireale: «Bravissimi i liquidatori, ma una seria riapertura delle strutture termali è difficile da raggiungere»


In risposta ad un lettore che chiedeva delucidazioni sul futuro delle Terme, lamentandosi della loro distruzione, ecco le dichiarazioni dell’on. Nicola D’Agostino sul suo profilo pubblico Facebook

« Le Terme sono state distrutte quando la Regione (io non ero in carica) aveva immaginato un futuro da Spa… però controllato al 100% sempre dalla Regione! Insomma classico pasticcio da carrozzone politico e luogo per sottogoverno. Adesso occorre pagare i debiti (oltre 12 mln, già stanziati nelle ultime finanziarie anche per mio interessamento), poi restituire formalmente i beni dalle Terme spa in liquidazione alla Regione ed infine avviare il bando per l’affidamento della gestione ad un privato. Intanto i liquidatori (bravissimi rispetto al passato) hanno approvato i bilanci e reso possibile una mediazione con il maggior creditore. Adesso la strada è aperta. Anche se ancora difficile da raggiungere il miglior risultato: cioè una seria riapertura delle strutture termali»

Terme di Acireale, D’Agostino elogia i liquidatori


L’articolo apparso su La Sicilia del 21.7.2018