Feed RSS

Archivi del mese: ottobre 2012

Per Armao tutto a posto. Il bando sulle Terme sarà pubblicato il giorno dei Morti.


dal sito di RMK.it

Terme. Slitta la pubblicazione del bando sulla GURS. Armao: “E’ tutto in regola”

27 ottobre 2012

By 

tutti ad attendere,ma sulla gazzetta ufficiale della regione siciliana, uscita ieri, non c’era alcuna traccia del bando pubblico per le manifestazioni di interesse sulle Terme di Sciacca ed ovviamente anche di Acireale. Eppure l’assessore regionale all’economia Gaetano Armao, proprio sabato scorso al nostro telegiornale, aveva detto che era cosa fatta e che il bando, comprese tutte le garanzie chieste ed ottenute dall’amministrazione comunale saccense, sarebbe stato pubblicato sulla gazzetta di venerdì 25 ottobre.
Non è andata così e stamattina abbiamo nuovamente interpellato l’assessore Armao il quale ha dichiarato che si tratta semplicemente di un rinvio, di una settimana. Un banale problema di spazio all’interno della gazzetta, dice Armao, ma venerdì prossimo il bando sarà in pubblicazione.
L’associazione L’Altra Sciacca stamattina ha attaccato l’esponente di governo accusandolo di non avere mantenuto gli impegni assunti nei confronti della città di Sciacca, sottolineando , tra l’altro come a questo importante adempimento si stia arrivando nel delicato periodo elettorale. Non è chiaro, sostiene l’associazione, se questa mancata pubblicazione sia dovuta al caso o premeditata per l’imminenza del voto.
E adesso ci si chiede, se il nuovo governo porterà avanti il lavoro iniziato dall’assessore all’economia e ancora non completato, aggiunge l’associazione di Pietro Mistretta.
La mancata pubblicazione, ieri, del bando sulla gazzetta, lascia in piedi tutti gli interrogativi che l’associazione L’Altra Sciacca, ma anche la cgil in questi giorni hanno posto sui contenuti stessi della selezione per la ricerca del privato che dovrà gestire le Terme.
Intanto non rimane che attendere, un’altra settimana, nell’auspicio che si tratti, come ha dichiarato stamattina Armao, soltanto di un rinvio e che venerdì prossimo si vedrà nero su bianco quale futuro è stato tracciato per le Terme di Sciacca.

Slitta il bando sulla Gazzetta


L’articolo sul Giornale di Sicilia del 28 ottobre 2012, richiamato pure nell’edizione on line del giornale. Fa riferimento all’ulteriore slittamento del bando, di cui comunque l’Assessore Armao aveva annunciato l’imminente pubblicazione.

 

Tarda il bando regionale, ma i sindaci di Sciacca ed Acireale hanno tenuto una linea diversa sul tema della privatizzazione


L’articolo pubblicato dal settimanale I Vespri (Acireale 41)

Dov’è il bando? si chiede L’AltraSciacca


dal sito de Il Fatto Popolare

Terme di Sciacca: “Dov’è il bando?” si chiede L’AltraSciacca

“E venne il giorno in cui avrebbe dovuto esserci la pubblicazione in gazzetta del bando per la privatizzazione delle Terme di Acireale e di Sciacca sulla Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana n. 46 del 26 ottobre 2012. Diciamo “avrebbe” perché di tale bando in Gazzetta non c’è nemmeno l’ombra” questo è quanto scrive l’associazione L’AltraSciacca in un comunicato stampa.

“Volendo essere ottimisti abbiamo pensato fosse impossibile che a fronte di precisi impegni, seppur con ritardo, il responsabile dell’Economia siciliana, l’assessore Gaetano Armao, non li concretizzasse come annunciato. Eppure anche questo è avvenuto! Non è stato onorata una promessa fatta alle due città di Sciacca ed Acireale, alla società civile che si è fatta promotrice di azioni di sensibilizzazione sulla tematica delle Terme cui da sempre è legata, ad un intero territorio” continua il sodalizio presieduto da Pietro Mistretta. “Nella Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana n. 46 del 26 ottobre 2012 non vi è traccia alcuna dei bandi per la privatizzazione della gestione dei due stabilimenti termali. Pensavamo che un briciolo di rispetto i cittadini ed il territorio di Sciacca e Acireale lo meritassero, non fosse per il fatto che la loro storia è impregnata di avvenimenti che le hanno portate a essere chiamate città “DEGNE”. L’assessore Armao, invece, non mantiene le sue promesse e lascia chiaramente intendere che le città di Acireale e Sciacca non meritano importanza e attenzione. Domani si vota e l’attuale Governo regionale non sarà più nostro interlocutore sulla questione delle Terme, ma come si è arrivati a questo punto, consentitecelo, non è assolutamente chiaro. Non è chiaro del perché si è dovuto attendere un giorno prima delle elezioni per la pubblicazione dell’avviso. Non è chiaro perché l’assessore Armao abbia deciso di presentare a Milano ciò che invece doveva essere portato prima a conoscenza dei cittadini delle città termali e subito dopo a conoscenza degli imprenditori siciliani (credo ce ne siano ancora). Non sono chiari, in generale, alcuni aspetti della privatizzazione delle terme e lo abbiamo ripetuto più volte. Non è chiaro, infine, se questa mancata pubblicazione sia dovuta al caso o sia premeditata a causa dell’imminenza del voto. Qualcuno una volta disse: “A pensar male è peccato, ma a volte ci si azzecca!”. Noi, alla luce di quanto NON è successo, pensiamo male, molto male. Chi ci assicura che il nuovo Governatore porterà avanti quello che il suo predecessore aveva iniziato e purtroppo non completato? Ringraziamo pertanto il distinto assessore Armao per il rispetto degli impegni assunti e per le sue belle parole, non trasformate in fatti concreti, sulle realtà termali di Acireale e Sciacca” conclude L’AltraSciacca che quindi rivolge alcune domande all’amministrazione e all’assessore Armao in merito al futuro delle terme di Sciacca.

Tra il dire e il fare c’è di mezzo…Armao


dal sito di AltraSciacca

Terme – Tra il dire e il fare c’è di mezzo … Armao

 Gaetano Armao

Gaetano Armao

E venne il giorno in cui avrebbe dovuto esserci la pubblicazione in gazzetta del bando per la privatizzazione delle Terme di Acireale e di Sciacca sulla Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana n. 46 del 26 ottobre 2012. Diciamo “avrebbe” perché di tale bando in Gazzetta non c’è nemmeno l’ombra.

Volendo essere ottimisti abbiamo pensato fosse impossibile che a fronte di precisi impegni, seppur con ritardo, il responsabile dell’Economia siciliana, l’assessore Gaetano Armao, non li concretizzasse come annunciato.

Eppure anche questo è avvenuto! Non è stato onorata una promessa fatta alle due città di Sciacca ed Acireale, alla società civile che si è fatta promotrice di azioni di sensibilizzazione sulla tematica delle Terme cui da sempre è legata, ad un intero territorio.

Nella Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana n. 46 del 26 ottobre 2012 non vi è traccia alcuna dei bandi per la privatizzazione della gestione dei due stabilimenti termali.

Pensavamo che un briciolo di rispetto i cittadini ed il territorio di Sciacca e Acireale lo meritassero, non fosse per il fatto che la loro storia è impregnata di avvenimenti che le hanno portate a essere chiamate città “DEGNE”. L’assessore Armao, invece, non mantiene le sue promesse e lascia chiaramente intendere che le città di Acireale e Sciacca non meritano importanza e attenzione.

Domani si vota e l’attuale Governo regionale non sarà più nostro interlocutore sulla questione delle Terme, ma come si è arrivati a questo punto, consentitecelo, non è assolutamente chiaro.

Non è chiaro del perché si è dovuto attendere un giorno prima delle elezioni per la pubblicazione dell’avviso.

Non è chiaro perché l’assessore Armao abbia deciso di presentare a Milano ciò che invece doveva essere portato prima a conoscenza dei cittadini delle città termali e subito dopo a conoscenza degli imprenditori siciliani (credo ce ne siano ancora).

Non sono chiari, in generale, alcuni aspetti della privatizzazione delle terme e lo abbiamo ripetuto più volte.

Non è chiaro, infine, se questa mancata pubblicazione sia dovuta al caso o sia premeditata a causa dell’imminenza del voto.

Qualcuno una volta disse: “A pensar male è peccato, ma a volte ci si azzecca!”. Noi, alla luce di quanto NON è successo, pensiamo male, molto male.

Chi ci assicura che il nuovo Governatore porterà avanti quello che il suo predecessore aveva iniziato e purtroppo non completato?

Ringraziamo pertanto il distinto assessore Armao per il rispetto degli impegni assunti e per le sue belle parole, non trasformate in fatti concreti, sulle realtà termali di Acireale e Sciacca.

Sulla Gazzetta non c’è nulla sulle Terme


dal Corriere di Sciacca

SCIACCA – CRONACA
SULLA GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE NON C’E’ NULLA SULLE TERME
L’assessore Armao aveva promesso la pubblicazionedel bando di privatizzazione delle Terme di Sciacca e Acireale

27/10/2012 12.02Sulla Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana n. 46 del 26 ottobre 2012, non c’è nessun bando di privatizzazione delle Terme di Sciacca e Acireale.

Spulciando la Gazzetta, non si intravede nessun riferimento alla promessa fatta dalla Regione e sugli impegni presi dall’assessore Gaetano Armao. Avevano ragione quelli della Cgil che invitavano tutti, autorità cittadine comprese, a non esultare troppo prima di aver visto il bando sull’organo ufficiale della Regione.

Tutto questo alla vigilia del voto elettorale regionale, quando Armao e l’attuale governo non saranno più gli interlocutori di Sciacca e Aqcireale e tutto potrebbe cambiare se il nuovo governo, com’è accaduto in passato, dovesse avere un’idea completamente diversa sullo sviluppo delle terme siciliane. Un bel “colpo di teatro” quello della Regione, alla fine di una legislatura regionale che non sarà certo ricordato per i grandi successi ottenuti.

Sarcastico, oggi, il commento dell’associazione “L’Altra Sciacca”: “Chi ci assicura che il nuovo Governatore porterà avanti quello che il suo predecessore aveva iniziato e purtroppo non completato ? Ringraziamo pertanto il distinto assessore Armao per il rispetto degli impegni assunti e per le sue belle parole, non trasformate in fatti concreti, sulle realtà termali di Acireale e Sciacca”.

 

I Vespri: ma le Terme chi le vuole?


A pochi giorni dalla data stabilita per le elezioni regionali, l’assessore regionale all’Economia Gaetano Armao con straordinario tempismo ha convocato a Palermo, in due distinte riunioni, i Sindaci di Sciacca Fabrizio Di Paola e di Acireale Nino Garozzo, per annunciare in anteprima i contenuti dei bandi per la privatizzazione della gestione degli stabilimenti termali, in Gazzetta Ufficiale già da venerdì 26 ottobre. In realtà, si tratta di bandi di gara «per la ricerca sul mercato delle manifestazioni di interesse per l’affidamento della gestione>> dei due complessi termali e, quindi, della prima tappa verso la selezione, con la modalità del dialogo competitivo, della migliore proposta privata per il rilancio delle Terme sia di Sciacca che di Acireale.

Il resto dell’articolo sul n.41 del settimanale I Vespri, da oggi in edicola