Feed RSS

Archivi categoria: News

Terme di Acireale. Azione di responsabilità promossa dalla Regione e dal liquidatore contro i vecchi amministratori


Dalla lettura del verbale dell’assemblea dei soci del 25 luglio scorso (come riportato in basso), si evince che è stata deliberata un’azione di responsabilità nei confronti degli amministratori in carica nel periodo 2006-2009, come prevista dall’art. 2393 del codice civile. Lo ha deliberato l’assemblea, su proposta del liquidatore Luigi Bosco, presente il rappresentante del socio unico Regione Siciliana Giuseppe Caudo, su delega del Presidente Crocetta.

Sabato il settimanale I Vespri dedicherà un primo approfondimento sulla vicenda.

azioneresponsabilita

 
bosco

caudo

Terme di Porretta: nuovi contatti per il rilancio della struttura?

Inserito il

dal sito di Federterme

TERME DI PORRETTA: NUOVI CONTATTI PER IL RILANCIO DELLA STRUTTURA?

 

 

 

 

 

 

 

 Qualcosa si sta muovendo per assicurare un nuovo futuro alle Terme di Porretta. Gherardo Nesti, sindaco del piccolo ma ridente comune termale, starebbe portando avanti contatti riservati con gruppi e investitori diversi per tentare finalmente l’auspicato rilancio dello stabilimento termale.

Di più, non è dato sapere. L’unica notizia certa è un passaggio di quote tra soci privati: il dott. Lapilli ha acquistato quelle di De Biase. Per il resto è notte fonda: mancano dati ufficiali che raffrontino curandi e presenze alberghiere degli anni passati con l’ultimo. E non si riescono ad ottenere maggiori particolari sulle eventuali trattative in corso e sui gruppi con i quali vengono portate avanti.
Ma tra i cittadini e i commercianti di Porretta si è riaccesa la luce della speranza. E la notizia del passaggio di quote viene vista come elemento che potrà facilitare qualsiasi trattativa. Fosse questa,si spera, la volta buona.

Le Terme degli altri che funzionano: Antica Querciolaia in attivo da 11 anni

Inserito il

L’articolo pubblicato sul sito di Federterme

TERME ANTICA QUERCIOLAIA: 11 ANNI ININTERROTTI DI ATTIVO DI BILANCIO

 

 

 

 

 

 

 

 Le Terme Antica Querciolaia hanno reso noto i dati dell’ultimo bilancio e con orgoglio hanno comunicato che “, lo stabilimento termale di Rapolano Terme continua a tenere testa alla crisi registrando un attivo di più di 138 mila euro, con oltre 135 mila presenze e mantenendo inalterato il livello occupazionale all’interno della struttura, dove sono impiegati 40 addetti tra dipendenti e medici”. Un attivo che si registra puntualmente, di anno in anno, dal 2003.

Nel corso di tutto il 2013 le piscine termali terapeutiche hanno registrato oltre 135 mila presenze e il centro benessere ha potuto contare su 11 mila presenze. Cifre di tutto rispetto anche all’interno dei reparti di cura convenzionati con il Sistema sanitario nazionale, come quello inalatorio che, insieme ai reparti fanghi e bagni hanno fatto segnare un incremento di circa il 2% rispetto all’anno scorso. Buone anche le performance del reparto di estetica che ha registrato un più 3,40% rispetto al 2012.
“Il 2013 – ha commentato il presidente delle Terme Antica Querciolaia, Silvana Micheli – ha segnato la conferma, per l’undicesimo anno consecutivo, di un utile d’esercizio che proietta la nostra società tra le prime in assoluto della nostra provincia. Nonostante la crisi economica e la minore capacità di spesa della clientela, il risultato ottenuto è sicuramente confortante, con un fatturato sostanzialmente inalterato”. Siamo “arrivati, in un anno comunque difficile per la congiuntura economica ancora sfavorevole, a mantenere il fatturato che si è consolidato intorno ai 2,8 milioni di euro, ma soprattutto a mantenere inalterato il profilo di piccola e media impresa sana, che occupa circa 40 addetti tra dipendenti, medici e liberi professionisti. Per il prossimo futuro, la nostra intenzione è quella di proseguire sulla strada degli investimenti, presentando un programma ambizioso di interventi e migliorie”

La Stancheris a Sciacca: il bando sulla privatizzazione delle Terme non andava bene!


dal sito del Corriere di Sciacca – La notizia è stata richiamata pure da: TeleradioSciacca e da TeleradioMonteKronio

SCIACCA – POLITICA
STANCHERIS: “SIAMO AL LAVORO PER UN BANDO DI VISIBILITA’ INTERNAZIONALE IMPRONTATO SULLA CHIAREZZA”
L’Assessore regionale al Turismo oggi pomeriggio ha visitato le Terme. “Un errore il precedente bando”. Per la gestione attuale ha assicurato: “mai più emergenze”

17/09/2013 17.20

Michela Stancheris  è arrivata alle Terme con un’ora di ritardo, ma piena di pragmatismo sulla questione relativa alle terme. Due, in particolare, i punti nodali: affidamento delle strutture termali a lungo termine e soprattutto il nuovo bando deve avere visibilità internazionale. Ad accompagnare l’Assessore, il consigliere comunale Filippo Bellanca, che è anche componente dello staff di Gabinetto.

La Stancheris, al grand Hotel delle Terme, è stata accolta dal sindaco Fabrizio Di Paola, dal presidente del Consiglio comunale Calogero Filioppo Bono, dall’assessore al turismo, Salvatore Monte, dal commissario starordinario della Terme di Sciacca Spa Carlo Turriciano. C’erano anche il segretario generale Carmelo Burgio e il dirigente regionale Nuccio Catagnano.

 “Sono rimasta sconvolta leggendo quel bando- dichiara l’assessore- che non andava per niente bene. Il nuovo bando avrà diffusione internazionale, ma soprattutto conterrà tanta chiarezza in modo tale da invogliare maggiormente gli investitore e dare alla Sicilia quell’immagine di credibilità che merita”.

Michela Stancheris ha garantito tempi celeri per la stesura del nuovo bando per la manifestazione d’interesse. “Stiamo dialogando per capire in quale prospettiva mettere sul mercato la risorsa termale. Bisogna comprendere bene se lasciare aperto a più imprese l’idea di partecipare e quindi come strutturare il bando. Ci siamo incontrati la settimana scorsa- continua  Michela Stancheris- per comprendere meglio come procedere in modo tale da offrire al mercato un bando trasparente e chiaro”. Per quanto riguarda l’attuale sostegno alla gestione delle terme, l’assessore Stancheris ha garantito l’impegno da parte del Governo regionale perché “non si può pensare di far procedere sempre nell’emergenza una struttura così grande e importante”.

Poi, l’assessore ha affrontato la questione dell’allaccio alla rete fognaria degli impianti di San Calogero e dello stabilimento termale di via Agatocle. Servono circa 2 milioni di euro. “Conosco la questione e stiamo facendo il punto con il commissario Carlo Turriciano proprio per sistemare tale incresciosa vicenda. E’ impensabile pensare al bando senza aver sistemato tale criticità”.

Per il commissario Turriciano, l’assessore “ha preso a cuore il tema delle terme di Sciacca. Oggi abbiamo la reale possibilità di una proficua collaborazione con l’Assessorato”. Per il sindaco Di Paola le parole della Stancheris “confermano una linea che l’Amministrazione porta avanti da tempo”. Soddisfatto il consigliere comunale Filippo Bellanca: “Il nuovo bando certamente eviterà gli errori contenuti nel precedente”.

I Vespri (in edicola sabato) racconta gli interventi di Raciti (PD) e Foti (M5S) sulle Terme di Acireale


Un brano dell’articolo che apparirà sabato 7 settembre sul settimanale I Vespri

“A fare notizia in questo mese di agosto, ci hanno pensato i politici locali. Rispetto ai soliti noti del recente passato, si registrano due “new entry”. Fausto Raciti, parlamentare nazionale del PD, segretario nazionale dei giovani democratici, figlio di Antonio, il segretario della locale sezione del partito. E poi Angela Foti, deputato regionale del Movimento Cinque Stelle, balzata agli onori della cronaca per aver chiamato i carabinieri per denunciare le lentezze della burocrazia regionale”

foti-raciti

Terme, timida ripresa. M5S: Individuare i responsabili.


L’articolo di Catania Live Sicilia di Daniela Gieri

onfotidottlarosa

L’on. Angela Foti e il dott. Salvatore La Rosa.

ACIREALE – Salvare le Terme, patrimonio acese e siciliano. A distanza di pochi giorni dalla riapertura del reparto di Fango Balneoterapia, che insieme alla riapertura del reparto inalazioni fa ben sperare in una ripresa delle attività termali, il gruppo parlamentare del Movimento 5 Stelle, con una interrogazione, ha chiesto al Governo di attivarsi per salvare il patrimonio immobiliare e di cercare le responsabilità individuali di chi “ha determinato una evidente dissipazione del patrimonio pubblico”.

“Dopo più di un decennio di incuria – dice il deputato Angela Foti a LiveSiciliaCatania – di cattiva gestione e di tentativi di smantellamento del patrimonio termale, che ha avuto il suo acume la scellerata scelta di chiudere i reparti, finalmente un commissario opera nell’interesse della città. Il M5S crede profondamente in un rilancio del termalismo in Sicilia, nel caso specifico di Acireale – prosegue il deputato – e, con una interrogazione, chiede al governo di mettere mano quanto prima al salvataggio del patrimonio immobiliare di cui la Regione è garante e di stabilire quali responsabilità individuali di commissari, funzionari e precedenti assessori, hanno determinato un’evidente dissipazione di patrimonio”.

Durante un colloquio con Crocetta e Bianchi dell’assessorato economia, la Foti ha chiesto che durante le ricontrattazioni dei mutui di Excelsior e Centro Polifunzionale, oltre a Unicredit, all’assessorato e Terme ci sia anche il comitato civico delle Terme – “Quale soggetto portatore di interessi per i cittadini,nello specifico – conclude Foti – ho chiesto una convocazione ufficiale per Salvo La Rosa, questa ricontrattazione non può più essere rimandata”.

E’ un’interpellanza non un’interrogazione quella sulle Terme di Acireale. Firmataria l’on.Angela Foti


E’ una interpellanza, non un’interrogazione, quella di cui è primo firmatario l’on.Angela Foti, deputato regionale del Movimento Cinque Stelle. E’ la numero 99, porta la data del 30 luglio, è stata annunciata in Aula il 6 agosto (seduta n.66) ed è menzionata da oggi sul sito della Assemblea Regione Siciliana. Si intitola “Chiarimenti in merito alla situazione debitoria delle Terme Acireale s.p.a.”. Presto ne pubblicheremo i contenuti, che ancora sul sito ufficiale della Regione non sono stati resi noti.

angela-foti