Feed RSS

Archivi del mese: ottobre 2011

L’articolo di fondo de L’Eco delle Aci ancora una volta dedicato alle Terme


TERME ED ANTENNA: QUESTIONI INSOLUTE

Terme di Acireale ed antenna telefonica di piazza Dante.
Due tematiche scottanti che tengono banco ormai da diversi mesi e che l’Eco segue con molta attenzione.
La vicenda Terme ha registrato negli ultimi giorni due importanti novità: la prima legata all’accoglimento da parte del presidente del consiglio comunale Pietro Filetti della proposta, avanzata dal Forum permanente sulle Terme promosso dal Lions, di convocare i capigruppo per programmare una seduta ad hoc, interamente dedicata alla problematica; la seconda relativa invece all’albergo Excelsior Palace, che rischia (a giorni) di essere sfrattato e che potrebbe pertanto determinare l’ennesima crisi occupazionale in città e nell’hinterland.

Clicca qui per proseguire la lettura.

Annunci

Il servizio di Rei TV sulla vicenda dell’Excelsior Palace


Il servizio televisivo di REI TV nell’edizione del mattino del TG del 31 ottobre, a cura di Salvo Cutuli.

Terme di Acireale: il Consiglio ad hoc si farà


L’articolo pubblicato oggi da L’Eco delle Aci.

Il proficuo dialogo fra società civile e classe politica che il Forum permanente delle Terme ha stabilito da alcuni mesi inizia a maturare i primi frutti. Il 22 ottobre scorso, il coordinamento delle associazioni e dei movimenti cittadini attivato dal Lions Club Acireale ha scritto al Presidente del Consiglio Comunale Pietro Filetti, chiedendogli di valutare l’opportunità di convocare una conferenza dei capigruppo consiliari per avviare un approfondimento sulla vicenda delle Terme, un momento propedeutico ad un’eventuale seduta del civico consesso dedicata all’argomento. Clicca qui per proseguire la lettura.

Le lettere della società di gestione dell’Excelsior Palace al Prefetto, alla Regione e ai liquidatori delle Terme


Pubblichiamo di seguito copia delle lettere inviate dalla società Palace Terme srl ai liquidatori delle Terme, al Presidente della Regione e agli Assessori Armao e Tranchida, e al Prefetto di Catania Francesca Cannizzo di cui abbiamo dato notizia in un precedente post.


Su Agendaerre, a maggio di quest’anno una videoinchiesta su Pozzillo


Pubblichiamo di seguito l’ottava puntata della trasmissione “Agendaerre” dedicata alla vicenda Pozzillo e messa in rete su youtube) nel maggio di quest’anno. Pur dedicata in prevalenza al tema dell’inquinamento ambientale causato dalla copertura in fibrocement del capannone della Pozzillo (più comunemente noto come Eternit, dal nome della società che lo produceva), la puntata affronta anche le vicende del lento decadimento della società di imbottigliamento delle acque minerali già di proprietà delle Terme di Acireale, successivamente fallita negli anni scorsi. Una parte dello stabilimento, degli uffici e dei terreni della Pozzillo costituiscono tuttora patrimonio delle Terme Regionali di Acireale SpA (in liquidazione).

Clicca qui per visualizzare la prima parte, la seconda parte, la terza parte ed infine la quarta parte della videoinchiesta realizzata per TRA dal giornalista Saba Ambra e disponibile su Youtube.

Agendaerre ha dedicato la XVIII puntata alla vicenda delle Terme di Acireale, trasmessa ieri sera di TRA e prossimamente in rete su Youtube.

La controversia fra le Terme di Acireale e la gestione dell’Excelsior Palace Terme. Chiesta una mediazione al Prefetto


Pubblichiamo di seguito, fornita dall’amministratore unico della società Palace Terme srl, documentazione  riguardante la controversia in atto fra la gestione dell’Excelsior Palace Terme e le Terme di Acireale SpA (in liquidazione). Le procedure dell’eventuale sfratto sono state programmate per i primi giorni del mese di novembre.

La documentazione contiene:

  •  lettera del 12 ottobre, inviata ai liquidatori, contenente l’istanza di prosecuzione dell’attività ricettiva;
  •  missiva indirizzata il 14 ottobre al Presidente della Regione Raffaele Lombardo e all’Assessore all’Economia Gaetano Armao;
  •  richiesta, inoltrata il 17 ottobre al Prefetto di Catania Francesca Cannizzo, di un tavolo di mediazione per la soluzione della controversia giudiziaria.

Clicca qui per visualizzare la documentazione (palace terme srl)

Dal gruppo SHR, cui la società Palace Terme srl afferisce, l’imprenditore turistico Salvo Zappalà informa che tale documentazione è stata inviata per conoscenza ad alcuni deputati regionali della provincia di Catania e riferisce che il Prefetto Cannizzo ha già scritto al Presidente Lombardo.

Il sito, naturalmente, è disponibile alla pubblicazione di ulteriore documentazione ufficiale, ove fornita dai diretti interessati.

 

Le guide di Lonely Planet menzionano ancora le Terme tra le attrazioni di Acireale e Sciacca per il 2012


“In Sicilia si trova la chiave di tutto”. Forse il grande Goethe era nel pieno dell’infatuazione quando scrisse queste celebri parole nel suo “Viaggio in Italia”. Di sicuro, però, la regione non ha perso nulla del fascino che stregò i viaggiatori del Grand Tour, anche se oggi lo modula spesso sotto il segno della modernità. In questo articolo raccontiamo alcuni tra i principali eventi del calendario siciliano. Se cederai ad almeno una di queste tentazioni, capirai perché abbiamo inserito la Sicilia tra le regioni del mondo da non perdere nel 2012.

Clicca qui per proseguire la lettura dell’articolo su LonelyPlanetItalia, il sito italiano pensato per i lettori delle guide sul turismo e collegato alle famose pubblicazioni di Lonely Planet.

Nel corpo dell’articolo, si riportano le seguenti affermazioni: Decidi tu se puntare tutto su Sciacca, sulla costa occidentale, a pochi chilometri da Selinunte e Agrigento, oppure se lasciarti catturare dal fasto barocco di Acireale. In entrambi i casi, potrai inserire nel tuo viaggio una puntata alle terme. Ad Acireale ti aspettano quelle di Santa Venera, che durante la stagione estiva ospitano anche spettacoli teatrali e concerti. A Sciacca, invece, puoi sfruttare i benefici delle acque al Nuovo Stabilimento Termale, un complesso vicino al Grand Hotel delle Terme. Il massimo, però, è raggiungere il vicino Monte Cronio, a 7 km dal centro, per inalare i vapori naturali delle Stufe di San Calogero.